Amore vero

Con l’innamoramento e il desiderio di rivelare tutto 1 di noi stessi, la verità irrompe sulla scena dell’amore. E dovrebbe restarvi sempre. Sì, perché, come abbiamo visto, le componenti essenziali del grande amore che dura sono quelle stesse che lo fanno nascere. E, nello stato nascente dell’innamoramento, i due amanti riescono di nuovo a guardare il mondo con la stessa freschezza, la stessa gioia, la stessa fiducia delle origini, e pensano che possa esistere solo la verità, che si possa dire solo la verità. Dirla prima di tutto a se stessi e parlare all’altro con la mente e il cuore puri e aperti. Due esseri umani, anche quando si amano, sono infinitamente diversi. E sono un mistero anche a loro stessi. L’amore è il momento magico e incantato in cui per la prima volta ci domandiamo chi siamo e chi sia quell’altro sconosciuto così importante per la nostra vita. E scopriamo che in noi stessi c’è una parte di luce e una parte di ombra. Ciò che ci piace di noi e ciò che non ci piace, che non vorremmo essere e non vorremmo aver fatto, l’ombra. E scopriamo che nell’amore possiamo anche svelare al nostro amato la parte oscura di noi e apprendere così, attraverso di lui, che anche essa ha un senso, un significato, un motivo. E che forse lui ci ama proprio anche a causa sua. E intuiamo che anche in lui c’è una parte oscura, quella che ci turba, che ci fa paura, che suscita in noi gelosia ma che, nello stesso tempo, ci seduce, ci affascina. L’amore assorbe sempre in sé anche l’ombra e la trasforma in luce, ma in luce oscura. Essa avrà sempre il potere di turbarci e dovremo sempre essere prudenti nell’affrontarla.

Con l’amore diventiamo coscienti dei desideri proibiti, degli atti che avremmo dovuto evitare, di ciò che non dovrebbe avere fatto il nostro amato, delle contraddizioni in cui entrambi siamo immersi. Tutti infatti viviamo in un mondo di valori e di norme consolidate che abbiamo violato e per cui siamo stati giudicati e in base alle quali ci siamo giudicati o ci siamo noi stessi condannati. Ma il grande amore è come un uragano che spazza via queste condanne, questi giudizi, si pone al di sopra di essi, unico arbitro di ciò che ha o non ha valore. E potrai accorgerti che quelle che ti sembravano colpe, agli occhi del tuo amato sono atti di coraggio, quelle che ti sembravano debolezze segni di un animo gentile. Perché lo stato nascente dell’amore non ammette nessuna forza, nessun diritto, nessun giudice al di sopra di sé. Parla liberamente, racconta tutto al tuo amore e vedrai che il suo stupore si muterà in comprensione, il timore in applauso.

Un Commento a “Amore vero”

  • Endrio:

    In paradiso sicuramente Dio ci vuole donare di più di quello che riteniamo il massimo sulla terra perché addolorarsi allora , la nostra mente è piccola nel pensare nei doni del cielo .
    Se pensiamo che anche qui il nostro amore è sempre mescolato a convenienze umane, istinto, sensualità, egoismo Gesù ha detto che saremo come angeli ,”Saranno come angeli”, come ha detto Giovanni Paolo II, non vuol dire che non ci sarà sesso, ma che il sesso sarà completamente sereno, onesto, libero, sano, puro , quindi la diversità uomo-donna resterà, perchè è stata voluta da Dio quando ha creato l’uomo (“maschio e femmina li creò”). Solo che questa sessualità non servirà più alla procreazione, ma sarà dolcissima espressione dell’amore
    In quanto risorti, avremo un corpo, ma non quello che è morto, ma uno incorruttibile, eterno.
    Quindi non è utopia sperare di poter fisicamente riabbracciare un nostro congiunto ma è una certezza, l’amore che oggi proviamo sarà un nulla, proprio così sarà un nulla rispetto a quello che ci aspetta .
    E i coniugi che qui simbolicamente sono una carne sola, lo saranno per davvero anche in spirito. E saranno in Cristo tutto in tutti.
    Quindi il paragone con l’angelo seve solo a questo per comprendere l’importanza dello spiito.
    Inftti solo gli angeli sono puri spiriti , essi soli non hanno sesso.
    Non esistono angeli maschio e angeli femmina.
    E’ solo nella concezione induista e reincarnazionlsta che l’uomo unito a Brahman diventa un puro spirito, perde il sesso (che è cosa schifosa o vergognosa) e diventa Brahman.
    Ma questa, per noi cattolici, è un’eresia!
    Che vertigine d’amore eterno ci attende ma per ora è impensabile comprenderlo !!!..
    Endrio Calderini

Lascia un Commento

Sottoscrivi senza commentare