Hai scelto me

HAI SCELTO ME  di Zucchero Fornaciari

E’ ora di finirla.
Tutti anelano a una vita di coppia felice o per lo meno all’incontro fatidico con principe azzurro (o con la Biancaneve di turno), ma poi non si vogliono decidere.
Sarà lei? Non sarà lei?
Sarà lui capace di darmi tutto quello che desidero?
E’ meglio toglierci ogni illusione perché la persona che abbiamo davanti non sarà in grado di accontentarci in ogni nostra aspettativa o capriccio.
Non è Dio, anche se all’inizio ci è parso, per bellezza e per intelligenza.
Non può tutto, ma neppure niente, come potremmo credere tra un po’, disillusi e arrabbiati.
E’ un uomo. E’ una donna.
Perché sceglierlo/sceglierla allora?
Perché guardato bene, osservata da vicino, oltre quell’aura di luce di cui si circonda, viene riconosciuto/a proprio come quello che aspettavamo.
La nostra anima gemella. La persona che sa darci il gusto della vita che da soli non riusciamo proprio ad assaporare.
E allora ci siamo decisi al grande passo e abbiamo fatto la scelta.

                                   Hai scelto me,
                                   Oh, no
                                   Quando capita.
                                   Ho scelto te
                                   Non so
                                   Quando capita.

Però bisogna imparare a pesare bene le parole.
Se è pur vero che oggi come oggi viviamo in una dimensione di tale precarietà assoluta che ogni decisione definitiva ci sembra un vero e proprio salto nel vuoto, dobbiamo riprenderci il coraggio di mettere qualche punto fermo e non c’è niente come l’amore che avverta tale necessità.
Senza farsi condizionare dalla faciloneria con cui il resto del mondo si prende e si lascia, è bene che meditiamo a sufficienza ciò che portiamo nel cuore, ma senza restare in bilico più di tanto.
La fiducia nell’altro, e nella guida della sapienza di Dio dovrebbe essere tutto quello di cui abbiamo bisogno per affrontare con forza ed entusiasmo la vita a due che ci si prospetta.
Troppo slancio potrebbe farci cadere col naso per terra, ma troppa titubanza ci lascerà sempre in attesa del meglio facendoci perdere la buona occasione che il Signore ci ha messo davanti.

                                   So che mi sento diverso
                                   Quasi disperso
                                   Amore mio
                                   Se ti capita fa
                                   Che sia tutto diverso.

Allora tutto cambierà, perché vuol dire che siamo diventati grandi (uno più uno non fa due, ma Uno maiuscolo).
Finalmente cominceremo a sentirci approdati da qualche parte. Il che non vuol dire né del tutto al sicuro, né privati una volta per sempre di quello spirito avventuroso che ci ha permesso di lasciare la nostra solitudine per cominciare una vita nuova.

                                   Ho scelto te
                                   Amore mio
                                   C’è un uomo perso
                                   Sul treno che
                                   Precipita …

Le vertigini sono il minimo che ci può prendere, quando cominciamo questo santo viaggio…
Eppure non è il caso di rinunciare.
Perché è Dio che ci chiede di maturare al Suo sole, come i cocomeri, che spesso mostrano molto più buonsenso di noi, che siamo capaci di invecchiare senza aver deciso di prenderci le nostre responsabilità di adulti.
Noi non andiamo avanti, i “grandi” non si sentono di lasciarci in consegna alcuna gestione della vita civile, i “piccoli” non capiscono più che cosa devono fare e restano eterni bambini, dal momento che neppure i loro genitori sembrano aver voglia di andare avanti nella vita.
L’amore è la prova del nove, che l’esistenza ha un senso e vale la pena di essere vissuta.

                                   Che un cielo terso
                                   Accendi il blu
                                   Se tu….

Il cielo, che sta sopra di noi come apertura per i nostri desideri e limite delle nostre pretese prenderà il suo colore e sarà, come deve essere, luogo di incontro con Dio, quando sapremo sollevare verso di Lui il nostro sguardo sereno e profondo.
Altrimenti potremmo vedere solo nuvole e sogni, senza incontrare alcuna realtà.
Anche l’amore può essere un grande inganno, come la religione.
Dio non è a portata di mano, come non lo è la felicità.
Ma questo non vuol dire che sia irraggiungibile, questa come Quello.

                                   Hai scelto me
                                   Passa di qui
                                   Se ti capita.

La volontà di amare si incontra con il dono che riceviamo quando l’altro si affaccia alla nostra vita.
Le possibilità non vanno lasciate andare, sono molte e diverse, ma una sola è quella che riconosciamo come perfettamente adeguata al nostro cuore.
La confusione si attenuerà, la fatica avrà un suo scopo, la voglia di fare diventerà capace di costruire cose bellissime e durature.
Bisogna però decidersi.
Scegliere il bene, l’altro come il bene nostro e suo e di tutti coloro che avranno a che fare con noi.
Sembra difficilissimo da realizzare e invece come tutti i miracoli del Signore, accade.
Basta che abbiamo un briciolo di fede.

Un Commento a “Hai scelto me”

Lascia un Commento

Sottoscrivi senza commentare