L’universo tranne noi

L’UNIVERSO TRANNE NOI di Max Pezzali

                                   Ti ho incontrata ma tu non mi hai visto
                                   Eri in macchina è stato un attimo
                                   Ma il mio cuore si è come bloccato
                                   O era fermo prima e ha ripreso a battere

Il tema dell’incontro è ricorrente nelle canzoni d’amore.
Tutto era grigio e inutile, poi uno scambio di sguardi ha trasformato la realtà l’ha fatta nuova bella e gradevole
Vale la pena di vivere, non si capisce come non ce ne si sia accorti prima.
Ogni ostacolo è superabile, siamo all’altezza di ogni sforzo purché l’altro sia con noi e ci dia il suo sostegno.
Poi, altrettanto numerose sono le canzoni d’amore che parlano di abbandono di disperazione, lontananza incolmabile, tristezza infinita entro cui piomba insieme al nostro amore tutto il resto.
Che cosa ci pare che valga la pena di fare, ora?
Anche se non lo ammettiamo sprofonderemmo volentieri nella nostra depressione e manderemmo tutto il resto a quel paese.
Poi invece capita che, per qualche fortuito motivo, per chi crede nel caso, o perché era proprio la nostra occasione, e a quella è meglio non sfuggire altrimenti sono guai seri, il nostro amore ricompaia e ci venga letteralmente un colpo.
Il cuore si ferma per l’emozione o meglio riprende il suo vero corso.
Non è detto che tutto riprenda esattamente dal punto in cui si era bloccato, però la perdita dell’amato bene era certo un bello shock.

                                   Tante volte io l’ho immaginato
                                   Rivedere te che effetto mi farà
                                   Però adesso che è capitato
                                   Non importa più se sia stata colpa tua o mia

I motivi della rottura col tempo si stemperano e, se non siamo tipi da coltivare il rancore per gioco o la disperazione per hobby (e ce ne sono tanti che, pur potendo fare qualcosa per distrarsi, preferiscono stare concentrati sul proprio dolore) possiamo avere delle belle sorprese.
Se l’altro è l’amore della nostra vita, quello che ci è destinato, che è stato pensato per noi, prima o poi lo rincontreremo.

                                   I ricordi che sembrano lame fanno male ma
                                   Forse li cerco io per vivere per ricordare
                                   Ogni istante accanto a te
                                   Una vita accanto a te

I ricordi sono una faccenda complicata, funzionano in modo strano, a volte sono poco fedeli e realizzano a poco a poco una visione che è sempre più lontana dalla realtà.
Sembra che ci coccolino, soprattutto se soffriamo, ma in realtà stiamo riprendendo sensazioni ed emozioni più soggettive che oggettive, deformate nel tempo e poco utili per restituirci la verità.

                                   Eravamo quel che tutti sognano
                                   Quell’amore che i cantanti cantano
                                   Tanto forte, potente, immenso
                                   Che sembra esagerato e impossibile
                                   Con il petto che sembra esplodere
                                   Che non serve altro in più per vivere
                                   Che potrebbe scomparire l’universo tranne noi
                                   Tranne noi

Ripensando al passato tutto si ingigantisce (prima di rimpicciolirsi o sparire del tutto, guardare indietro è sempre come usare un cannocchiale da un lato o dall’altro) e si dilata e ci sembra che la nostra storia d’amore sia stata la più perfetta del mondo.
Dimentichiamo i difetti nostri e dell’altro, i problemi vissuti, le incomprensioni che inevitabilmente ci sono state.
Ma perché abbiamo questa tendenza ad enfatizzare l’amore?
Perché quello a cui ci riferiamo, bene idealistico e fantomatico, non nasce dalle nostre frustrazioni e speranze disilluse.
Ha una radice ben più profonda e reale.
E’ qualcosa che abbiamo dentro perché Qualcuno ce l’ha messa.
Siamo pronti a credere a banalità assolute e non a concedere la fede nel positivo che all’origine è stata depositata dentro di noi, alla base delle nostre azioni e dei nostri pensieri.
Riguardo all’amore questo slancio verso l’infinito, il valore assoluto che esso dovrebbe ricoprire al di là di tutte le esperienze negative che noi tutti abbiamo fatto e faremo non ci dice qualcosa?
Non basta a farci capire che il fuoco che divampa anche solo per un attimo dentro di noi ha una scintilla divina che lo anima?
Non c’è nulla di completamente profano in ciò che l’uomo vive.
La sacralità del bene che ricerca, che prova, che rimpiange, se stiamo attenti e non ci disperdiamo nelle nostre superficialità di ogni giorno, ci dice la pasta di cui siamo fatti, giustifica lo slancio che ci contraddistingue, sostiene il desiderio che ci anima, anche quando lo percepiamo, appunto, sotto forma di rimpianto.

                                   E  il cervello sa che è complicato
                                   Ciò che è rotto ormai non si riparerà
                                   Però il cuore, sai, me ha giurato
                                   Sa che un giorno tornerai
                                   Sììì

Qui si dovrebbe aprire un contenzioso molto serio, ma non c’è lo spazio sufficiente.
la differenza tra cervello e cuore, tra razionalità e passione, tra logica e sentimento è ciò che spesso ci inganna e ci impedisce di comprendere appieno la nostra realtà umana protesa verso il divino, perché da Dio creata a sua imitazione e a Lui destinata.
Così senza affaticarci a scegliere tra la fredda razionalità e l’illogica emozione, dovremmo felicemente sapere che entrambe le modalità di approccio a ciò che ci accade, e, nel caso specifico all’amore, sono strumenti  di cui Dio ci fornisce per raggiungere la verità.
Che riguardo a Dio è che Lui ci ama e pazientemente ci aspetta.
Riguardo all’amore umano è che nessuna forma di bene, neppure la più piccola e misera, potrà andare perduta, quando la gloria di Dio ricapitolerà in sé ogni cosa, salvandoci da tutte le nostre paure.

Lascia un Commento

Sottoscrivi senza commentare