Senza parole

SENZA PAROLE  di Vasco Rossi

Noi tutti speriamo che le nostre relazioni d’amore siano sane e felici. Invece a volte, spesso o di rado, a seconda delle situazioni, nascono dei problemi che, se non vengono presi in tempo, si sviluppano esageratamente e rischiano di intaccare tutta la vita coniugale, anche in modo irreparabile.

                                   Ho guardato dentro un bugia
                                   E ho capito che è una malattia
                                   Dalla quale non si può guarire mai
                                   E ho cercato di convincermi
                                   … che tu non ce l’hai.

Così ci facciamo coraggio e proviamo a prendere in considerazione anche una canzone non proprio a lieto fine.
Il bello è che invece il lieto fine, alle nostre vicende amorose, con il nostro impegno, con la nostra forza d’animo e con la grazia di Dio siamo noi a determinarlo.
Senza chiudere gli occhi di fronte alle difficoltà, illudendoci che tutto vada automaticamente bene.

                                   E ho guardato dentro casa tua
                                   E ho capito che era una follia
                                   Avere pensato che fossi soltanto mia
                                   E ho cercato di dimenticare
                                   Di non guardare.

Il primo guaio della storia che Vasco Rossi, notoriamente capace di fotografare la realtà senza fare troppi complimenti, è la mancanza di sincerità.
La coppia è il luogo privilegiato dove due persone possono dirsi la verità senza aver bisogno di nascondersi perché l’amore dell’altro sa accogliere anche le nostre mancanze.
Se cominciamo a non essere sinceri, tutto il resto andrà a rotoli.
In genere noi diamo fiducia a chi amiamo e non ci aspettiamo che ci nasconda o peggio che ci racconti una cosa per l’altra.
Quando lo scopriamo, quando per una serie di casi ci troviamo a dover riconoscere che la nostra fiducia è mal riposta, ci crolla il mondo addosso.
Per lo meno quel mondo che, nel momento in cui abbiamo conosciuto il nostro amore, credevamo di aver cominciato a vivere.
Ci sembra che tutto sia finito, anche quando non è vero, ma certo è una sensazione spiacevolissima.
In ogni caso è un serio campanello d’allarme che non è affatto il caso di ignorare.

                                   Ma poi ho camminato tanto e fuori
                                   C’era un gran rumore…
                                   Che non ho più pensato a tutte queste cose.

Non vale sprofondare nella banalità del quotidiano, cercare distrazione nel rumore della vita invece che soffermarsi sulla musica, magari un po’ stonata, che stiamo suonando col nostro partner.

                                   E ho guardato la televisione
                                   E mi è venuta come l’impressione
                                   Che mi stessero rubando il tempo e che tu …
                                   … che tu mi rubi l’amore.

Non serve guardare la tele riempiendosi la testa di storie altrui o di sport, di politica, di ricette di cucina.
Abbiamo ben altro di cui occuparci, se non vogliamo, appunto, che il nostro amore ci venga rubato.
Non è il caso neppure di soprassedere, lasciandoci cullare dall’emozione, sperando che essa sia più forte delle difficoltà e che ci sostenga nel momento del bisogno.

                                   E ho guardato dentro un’emozione
                                   E ci ho visto dentro tanto amore
                                   Che ho capito perché non si comanda al cuore.

Non sarà così. E’ l’amore “vero” quello che salva, connotato dalla verità della sua Fonte.
Dio non ci ha ingannati quando ci ha voluti e amati e salvati.
Certo non vuole che, gli uni con gli altri, si usi l’inganno, il mezzuccio, le piccole falsità per non affrontare la vita pienamente.
Se, come accade nella canzone, ci accontentiamo di ciò, oltre che perdere l’amore a cui teniamo tanto, ci accadrà di rimanere senza parole.

                                   E va bene così…
                                   Senza parole … senza parole
                                   E va bene così, senza parole
                                   E va bene così, senza parole.

“Sia il vostro parlare sì sì, no, no” dice Gesù.
Dì una parola franca affinché chi ti è vicino si possa fidare.
Il Signore sa che la parola crea e distrugge, Egli è il Verbo che porta la salvezza.
Noi non siamo Dio, ma da Lui abbiamo conosciuto il valore del detto, del taciuto, di ciò che viene mentito.
Solo il serpente, il maligno, dice il falso con voce suadente. E divide l’uomo e la donna dal loro Creatore, ponendo l’inimicizia tra loro stessi.
Non va bene, quando tra chi si ama mancano le parole perché quelle dette sono state ingannevole e amare.
Non basta alzare le spalle sperando in un giorno migliore. Siamo noi che ci costruiamo la vita, a piccoli passi.
Ricordiamoci di dire la verità, alla base dell’amore che ci siamo promessi e che Dio ha pensato per noi, per vederci felici!

Lascia un Commento

Sottoscrivi senza commentare